Friday, November 06, 2009

Guido Rossi sul Corriere

http://www.corriere.it/economia/09_novembre_06/manca_360b1f7e-caa3-11de-89f9-00144f02aabc.shtml

Io ho trovato 2 errori 2:

«Il mito del mercato. Dovremmo avere perlomeno l’onestà intellettuale di dire che abbiamo sbagliato tutto. Mentre solo Richard Posner (non a ca­so un giudice, autore del bellissimo 'A Failure of Capitalism') lo ha fatto».

Basta non dico leggersi il libro

Fuori strada- Come lo Stato ha causato, prolungato e aggravato la crisi finanziaria dell'istituto Bruno Leoni che mostra come in realtà sia stato lo Stato ad alterare il mercato visto che costa ben 18 euro (una sciocchezza) e aumenta il numero di libri dentro casa (non una sciocchezza per me) quanto almento leggersi GRATIS gli articoli del suddetto Istituto e gli articoli di Libero Mercato sulle cause della crisi e gli errori nella cura.

«Sì, ma pensi all’altro concetto 'il mercato è democrazia'. Mi basta solo un esempio per smontarlo: Milton Friedman nel 1975 va in Cile da Pino­chet consigliandogli di avviare una se­rie di privatizzazioni e di dare libero sfogo al mercato. Ebbene, entrambi sono scomparsi nel 2006, ma il Cile ha dovuto aspettare un bel po’ da quel 1975 prima di vedere la democrazia. Se vuole vado avanti».

Come racconta antonio Martino nella sua biografia su Milton Friedman, Friedman era stato solo 2 volte in Cile ed in una conferenza stampa aveva affermato che mercato e diritti politici devono andare insieme.
La leggenda di Pinochet compagno di merende di Friedman nasce dal fatto che in quel periodo alcuni studenti cileni andavano all'università di Chicago e seguivano le lezioni di un docente (non ricordo il nome, sorry) che faceva ricerche sull'economie del continente latino.

Purtroppo non ho sottomano la fonte (articolo riguardo il pensiero libertario di Alberto Mingardi su Liberal quotidiano)

Ma al Corriere perchè fanno stampare queste fesserie se le so pure io che no nsono nè economista nè giornalalista?

Posted via email from alepuzio's posterous

Friday, October 02, 2009

L'appello di Libero e Saltamartini "Punite Polanski". Firma anche tu

da Libero di oggi

Il 30 settembre il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità una risoluzione che chiede la fine immediata dello stupro usato come arma di guerra. Il segretario di Stato, Hillary Clinton, ha sottolineato che spesso chi compie (..continua..)

http://www.libero-news.it/webeditorials/view/2964

Posted via email from alepuzio's posterous

Thursday, October 01, 2009

Friday, September 25, 2009

Moralismo o capacità

Il buon filosofo Benedetto Croce calato nella cronaca a (presunte) luci rosse di questa primavera/estate

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=385384&START=0&2col=
-
Charles de Gaulle  - "The better I get to know men, the more I find myself loving dogs."

Posted via email from alepuzio's posterous

Thursday, September 17, 2009

11 settembre (con un po' di ritardo)

Causa insonnia, mi sono imbattuto in questo bel post del blog Oggettivista a proposito dell'11 settembre. Di seguito riport l'incipit

La guerra contro il terrorismo, incominciata in risposta all’attacco di New York e Washington l’11 settembre del 2001, non è uno scontro fra civiltà diverse. Non è una guerra di religione, né una guerra tra ricchi del mondo contro poveri del mondo. E nemmeno un pretesto preso dagli Stati Uniti per espandersi in tutto il mondo e sedare il dissenso interno. E’ una guerra dichiarata contro un nemico che, per sua scelta, odia la modernità. Il Rinascimento e poi l’Illuminismo hanno dato il via a una profonda trasformazione della civiltà umana: da società chiuse, tecnologicamente statiche, caratterizzate da un’attribuzione di ruoli rigida e immutabile, l’umanità ha incominciato a muoversi verso un’unica società aperta, in cui ogni individuo può determinare il suo futuro e decidere il suo ruolo, secondo la sua, personale, volontà. Una trasformazione traumatica della vita aggregata di fronte alla quale le religioni tradizionali si sono adattate o, spaventandosi, hanno reagito con la forza.


Il resto su http://oggettivista.ilcannocchiale.it/2009/09/11/11_settembre_paura_della_liber.html

Posted via email from alepuzio's posterous

Wednesday, September 02, 2009

Austriaco al 90%

Sul sito del Mises Institute ho fatto un test sul mio approccio all'economia in ottica di Scuoal Austriaca:
Mi ha fregato all'ultima domanda in cui risulta che seguo l'impostazione della Scuola di Chicago: vabbè, se non è zuppa è pan bagnato..

La morale è

OUR ENEMY,
THE STATE!

Your score is: 90/100

Are You an Austrian? (Short Version)

Thank you for taking the Mises Quiz, Your results will be emailed to you.
1. What is the correct economic status of private property?

A. Property is at the heart of most serious inequalities and oppressions in modern civilization. Only by regulation, transfer payments,  redistribution of property, and common ownership can society arrive at fairness, justice, and human dignity for all.
B. Property is a naturally arising relationship between human beings and material things. Property and enforceable property rights make possible economic calculation, a wider and more productive division of labor, and therefore increasing levels of prosperity. Indeed, civilization itself is inconceivable in absence of private property. Any encroachment on property results in loss of freedom and prosperity.
C. Property is central to prosperity and economic growth. Accordingly, it is of the utmost importance that the state, or more abstractly the law, maintain and modify the bundle of property rights in such a way as to allocate transactions costs in such a way as to promote maximum growth and economic efficiency. Property does not arise naturally, but is the end product of the legal system.
D. Property is an important component of our social system but its status as a "right" is contingent. It must be subject to regulation and modification for the general good. The state must intervene to prevent abuses of economic power, even at the cost of reducing traditional prerogatives of owners.

Your answer:B.
The Austrian answer. http://mises.org/libprop.asp

2. What is the proper method to conduct research in economic science?

A. The economist should not mimic the behavior of the natural scientists, because the social sciences involve human beings. Human action is characterized by intentional behavior, which involves the rational use of means to achieve desired ends.  The very subject matter of economics—capital goods, money, wage rates, etc.—is not defined by physical or chemical properties, but instead by the mental or subjective attitudes that human minds take toward these things. Consequently, the proper method for an economist is to start with self-evident axioms—such as that people try to achieve the highest utility at the lowest cost—and logically deduce conclusions from them.
B. Like the physicist, the economist (if he wants to be scientific) should construct a precise model that yields quantitative predictions about economic variables, such as GDP and unemployment. Then the economist should test those predictions against the actual data as collected by statistical researchers. At any given time, the best explanation or "theory" of a certain economic phenomenon is that model which yields the best fit between predictions and actual data.
C. The question is misleading; economics cannot really be scientific in the conventional sense of the term.  In physics we have fixed "laws" that are the same in every society and every time period.  In contrast, there are no fixed laws in economics.  The economist might study a certain historical episode and conclude that, say, rent control didn't achieve its objectives when it was tried in Manhattan after World War II.  Nonetheless, it may still be true that rent control could work in Paris in 2004 if the people in charge take care to avoid the mistakes of the past.
D. To be scientific, we need to modify the traditional economistic approach of viewing society as nothing but a collection of atomistic, egoistic individuals.  In reality, human beings consider themselves to be part of a greater social whole.  A more fruitful avenue of research would be to study the complex groups with which people identify, whether class, race, or sex.  Such an analysis would reveal the undeniable power of relationships in society, and give a much better understanding of economic events than typical, simplistic economic models.

Your answer:A.
The Austrian answer. http://mises.org/literature.aspx?action=subject&ID=3

3. What is the reason for the interest rate, and should it be regulated?

A. Interest payments compensate investors for their loss of liquidity when they sink cash into a business project or lend it out for a certain period; the interest rate is the price of liquidity. Interest is a monetary phenomenon, not a "real" one (as the classical economists thought).  Modern economics recognizes the role of expectations or what might generically be called "confidence in the future."  For example, if the interest rate jumps from 5% to 10%, this does not mean that people have become more oriented towards present consumption; it could simply reflect heightened anxiety about the economy. Government manipulation of the interest rate is certainly one of several tools needed to smooth economic fluctuations, but by itself this approach is relatively impotent. If everyone fears a worsening recession, employers will not hire more workers or build more factories, no matter how low the interest rate is pushed.
B. Interest payments are a return on capital, and the interest rate in equilibrium equals the marginal product of capital. The situation is perfectly analogous to labor, where the wage rate equals the marginal product of labor.  There are various technological recipes yielding output at various future dates, and consumers have preferences for consumption at various future dates. On the margin, present consumption will be preferred to future consumption, and an extra unit of capital invested will yield an increment in output (available in the future) that just makes the consumer indifferent between consuming now or waiting an additional unit of time and consuming the higher yield made possible by the productivity of capital. The government should not meddle with interest rates, for the same reasons that the government should not meddle with wage rates.
C. "Interest" is just a codeword for profit; a capitalist earns interest when he spends less on wages and raw materials than he earns from selling the final product.  This surplus value arises from the exploited workers hired by the capitalist.  Under the wage system, workers are paid the bare minimum they need to survive, even though the full product of their labor far exceeds their compensation from the employer. In this respect, the wage system is no different from traditional slavery, where the slave owner keeps the product yielded by his slaves' toil, and from this fund only "pays" them enough to maintain their bare survival. Obviously interest is a barbaric feature of capitalist societies, and will disappear once the system of wage slavery is overturned.
D. Interest payments reflect the higher value of present goods over future goods. Other things equal, everyone wants to consume sooner rather than later. The current price of a computer might be $1,000, but the price of a claim to a computer delivered in one year would currently sell for less than that, say $900. An entrepreneur might invest $900 in labor and raw materials in order to sell a product next year for $1,000; his implicit interest return is due to the fact that the factors of production represent technological "claims" on future consumption goods, and thus their current price (the $900) is less than their ultimate sale price ($1,000).  Obviously the government need not interfere with the market interest rate, since it merely reflects the subjective premium individuals place on a marginal present good over a marginal future good.

Your answer:D.
The Austrian answer. http://mises.org/literature.aspx?action=subject&ID=10

4. What is the economic impact of saving?

A. In normal times, saving is not economically harmful but in a recessionary environment it can cause the economy to spiral downward. Saving reduces consumer spending and may not be translated into investment spending because of investor pessimism. This will reduce total demand in the economy and lead to unemployment. One way of

B. The vast accumulation of wealth within select classes and families creates an economic oligarchy that shuts out those who cannot gain a foothold within the economic system. Inheritance taxes, and taxes on dividends, are essential to a society that values equality. After all, the yield from vast bank accounts really amounts to unearned income. No society can tolerate some people living off interest while others live paycheck-to-paycheck off the meager sums offered by minimum wages.
C. Saving (which means forestalling current consumption) is essential for capital formation, but there is no socially optimal ratio of consumption to saving that should predominate in society. It all depends on the social rate of time preference, that is, the extent to which people prefer goods sooner to later. Individuals may choose consumption over investment or vice-versa. Government intervention can skew these choices, subsidizing or taxing savings or consumption or both. In order to have the mix reflect the most economical choices, government should have no policy toward saving, even in the case of saving for old age.
D. There is no investment, and hence no economic growth, without saving. For this reason, the encouragement of saving should be an economic priority. Inflation discourages savings, which is a major reason why a policy of stable money should be the central-banking policy. Empirical studies show that saving takes place over the life-cycle of individuals. Miscalculations can occur, which is why the government might need to encourage private retirement accounts, a system that is more efficient than Social Security because it yields higher returns.

Your answer:D.
The Chicago answer.

5. What is the source of economic value?

A. Physical objects such as a banana or an automobile do not possess intrinsic economic value. On the contrary, only a human mind can attribute value to such items, and only then do economists classify them as goods. An object is valuable only because there is at least one human being who believes that this object can help satisfy his or her subjective desires. For example, even if a particular root cures cancer, if no one knows this fact, then the root has no economic value, and people will not trade money for it. Consequently, value is caused by an individual's subjective desires and his or her beliefs about the causal properties of a particular item.
B. The value of a commodity is equal to the amount of total labor used in its construction. If one bicycle has the same market value as, say, 500 eggs, then we can write 1 bicycle = 500 eggs. In what does this equality consist? Obviously the bicycle is not "equal" to the eggs because of any of its physical properties. If we examine the matter carefully, we will conclude that the one thing that the two have in common is the amount of labor used in their construction.
C. The value of a good is determined by the interdependence of supply and demand, or what might be called the interaction of cost and utility. In contrast to some schools of thought, which try to explain value on the basis of utility alone, the correct approach is that of Alfred Marshall, who realized that economic value is due to both subjective preferences and to objective technological conditions. To see this most clearly, consider that if the costs of production go up for a particular good, in the new equilibrium its final price must be that much higher.
D. Economic value is a complex matter that cannot be explained through simple formulas. To understand why the people in a particular society value some things more than others, we must study their culture and history. For example, a Native American tribe might have valued a particular animal as sacred. The white Europeans, of course, did not share this value system and thus slaughtered the animals. The same is true of a good or service on the market.

Your answer:A.
The Austrian answer. http://mises.org/literature.aspx?action=subject&ID=4

6. What is money and how does it originate?

A. Money can emerge from barter, but private interests will probably not develop it to suit the needs of a modern economy. We need central banks to sustain the financial sector. Efforts to manipulate the economy using the money supply will at best fail, and at worst cause severe problems. Monetary authorities should not increase the money supply at their discretion. They should increase it at a steady rate, matching the long term growth rate of the economy.
B. Money is a vehicle for exploitation that distorts real values. Money is neither necessary nor desirable, but is an arbitrary artifact of history. Social progress will lead to revolutionary social changes, including the elimination of money. This will end exploitation and result in a society that aims at satisfying real values, instead of aiming at private financial profit.
C. Money always emerges out of barter. The difficulties of finding trading partners under barter systems results in the emergence of commodity monies. Durable, portable, and divisible commodities, like gold and silver, typically fit the bill as money best. Money and related institutions emerge as an unintended consequence of self interested trading. The evolution of such institutions is best left to the competitive market forces that created them in the first place, as governmental intervention will result in inflation and other distortions.
D. Money is a creature of the state. Sound monetary institutions require planning and a central bank. Central banks can also stabilize markets. Central bankers can counteract booms and busts in the private sector by expanding the money supply during recessions and slowing it during booms. Public control of the institution of money is key to running the economy.

Your answer:C.
Austrian answer. http://mises.org/rothbard/money.pdf

7. What causes the business cycle?

A. Variations in the money supply cause GDP growth to deviate from its general trend. Absent these variations the economy is relatively stable. Variations in the money supply cause inflationary booms and crashes. Lags in the adjustment of wages with these cycles mean that financial booms and busts will entail significant changes in unemployment rates.
B. Competition in the face of declining profits and increasing monopolization generates increasingly large crises under capitalism. Capitalists invest in labor saving devices to keep unemployment high and wages down. Competition leads to falling profit rates and crashes. Some capitalists will then get good deals on capital from bankrupt capitalists, raising their profitability for the moment. However, the tendency of capitalism to reduce profit rates will lead to further unemployment and another crash.
C. Expansion of the money supply artificially reduces interest rates. This causes a boom in consumer and investor spending. With businesses thinking longer term, and consumer thinking shorter term, a discoordination emerges in the economy. The time relationship between saving and investment, production and consumption, is disrupted. Market processes reveal that many investments are not really profitable but instead are clusters of errors. Businesses then liquidate these investments, causing a recession.
D. Booms begin in excessive optimism, often prompted by technological shifts, resulting in speculative frenzies. Deficient total spending then causes recessions/depressions. When total savings exceed total investment, total spending on goods falls. This decreases the demand for labor to produce these goods. Then pessimism among business investors leads to insufficient aggregate demand and economic hard times.

Your answer:C.
Austrian answer. http://mises.org/literature.aspx?action=subject&ID=12

8. What causes economic growth?

A. A balanced relationship between aggregate demand and aggregate supply is the leading determinant of economic growth. Because private markets cannot always provide this, stable institutional environments are necessary. The public sector plays a vital role in securing economic growth by providing a framework of legal and financial institutions. A variety of public-sector efforts such as low-interest rates and subsidies may also play a positive role. A limited amount of regulation is necessary, but this is not necessarily true.
B. Private consumer demand is not enough for economic growth. Overall private spending is often too little, too manipulated by business, and rife with choices that overlook social priorities. Consumers may save too little or too much. This sometimes makes public deficit spending necessary to stimulate the economy. Also, private spending fails to supply public goods. Public spending in such areas is necessary for economic growth—particularly in education, infrastructure, and scientific research.
C. The capitalist process causes economic growth, but this is a non sequitur. While capitalism is the most productive system, the distribution of wealth under capitalism is wrong. Whole classes of citizens are left out. Capitalists take advantage of workers by paying them the lowest possible wage instead of the value of their labor. So capitalism delivers the goods, but to the wrong addresses. What we need are workers' democracies where productivity can go hand-in-hand with a more just distribution of wealth.
D. The source of economic growth is mutually beneficial, voluntary exchange. Within the exchange economy, consumers spend part of their income on goods and services to satisfy their most immediate wants. This drives current production. Consumers save part of their income according to their less immediate wants. This drives entrepreneurial investment in future production and leads to the development of sophisticated capital markets. Private contracts, competition in markets, and private institutions that allow for capital investment and accumulation are all you need to attain optimal economic growth.

Your answer:D.
Austrian answer. http://mises.org/journals/qjae/pdf/qjae2_2_5.pdf

9. Do markets create and sustain monopolies and what should be done about it?

A. If the history of capitalism shows us anything, it is that it leads to business concentration. With fewer and fewer firms dictating the terms, the result is ever higher prices combined with ever lower wages. Unions and antitrust enforcement have had some measure of success in curbing this, but neither institution goes far enough to counter the trend toward monopoly within market settings. We must also question the idea that competition itself should be a policy goal. Most often, it is socially wasteful and a slogan repeated by monopolists to justify exploitative behavior. The ideal of cooperation between all, a truly democratic economy, should be the ideal.
B. The market tends to generate monopolies of varying sizes and types. Business should not be permitted to exercise monopoly power in pricing. It can be detected by various formulas comparing costs with output price according to a perfectly competitive model. Geographic monopolies may not be as important as they once were due to advances in transportation technology. What we face today are a variety of technologically driven monopolies, such as the example of Microsoft shows. Still, regulators need to be constantly on the lookout for businesses that attempt to employ market power, enriching themselves at consumer expense. Competition needs rigorous enforcement.
C. Economists of the classical school were right to define a monopoly as a government-grant privilege, for gaining legal rights to be a preferred producer is the only way to maintain a monopoly in a market setting. Predatory pricing cannot be sustained over the long haul, and not even the attempt should be regretted since it is a great benefit to consumers. Attempted cartel-type behavior typically collapses, and where it does not, it serves a market function. The term "monopoly price" has no effective meaning in real market settings, which are not snapshots in time but processes of change. A market society needs no antitrust policy at all; indeed, the state is the very source of the remaining monopolies we see in education, law, courts, and other areas.
D. Monopoly regulation has caused more harm than good by protecting particular competitors, not competition. Some types of regulation against trusts are based on flawed models that fail to understand that some firms gain market share solely because of their products' desirability to consumers. Most cited cases of "path dependency" turn out to be mythical. What is left for regulators to do? As Adam Smith said, they should prevent business conspiracy, blatantly predatory behavior, and otherwise assure a level playing field leading toward genuine competition. Finally, some goods lend themselves to being best provided by monopolies, e.g. courts and defense.

Your answer:C.
Austrian answer. http://mises.org/literature.aspx?action=subject&ID=7

10. What is the role of equality and inequality?

A. Equality is a term that properly relates to mathematics but not to social science. Human beings are unequal in their endowments, opportunities, and will to achieve. Unequal does not mean inferior or superior; it merely means different. Differences are the very source of the division of labor, and, within a market setting, lead not to conflict but cooperation. While differences should be celebrated, property owners have every right to treat people unequally because it is owners that bear responsibility. Legislators, however, should not have any concern for bringing about equality of result or opportunity, either between individuals or groups of individuals classified according to any criterion. The only place for equality concerns the law, which should treat all individuals the same without regard to their station in life.
B. It is a great mistake to make equality of result a policy goal, because egalitarian legislation can kill incentives to improve. Punishing the rich is self defeating, even for the poor striving to make their way. Equality of opportunity, however, is something different. It something everyone merits by their very dignity as a human being. Thus should a nation strive for quality educational institutions, institute a limited inheritance tax, and otherwise assist those who, through no fault of their own, lack the means to gain entry into the division of labor. Once these institutions are in place, we will find that the forces of market competition will achieve egalitarian goals through predominately voluntary means.
C. Inequality is an intrinsic feature of a social structure that is mired in a prejudicial overhang from the long and shameful history of the manner in which Western society has treated women and other minorities. The prejudicial impulse, rooted in the spirit of conquest that gave birth to Western capitalism in the first place, is a form of violence and yet part of the corrupt infrastructure of the market economy itself. If the owners of capital were left to their own devices, excluded groups would remain so in perpetuity, so society had to act to restrain them. Full equality will continue to elude us, so long as we have a society that treats people as goods to be bought and sold, and so long as we make a god out of private property.
D. The modern emphasis on equality is the great policy advance of the last century. No longer does the political and economic system exclude women and minorities from participation but rathers include them as a matter of law. These groups tend to be artificially undervalued by the "invisible hand" of the market, which is why there is a role for anti-discrimination and public-accommodations law. The welfare state, too, has benefited society by insuring that the benefits of rising wealth are spread throughout society, so that the rich do not become richer at the expense of the poor. We've come a long way, but we still have a long way to go.

Your answer:B.
Chicago answer


Tuesday, August 18, 2009

L'importanza della IT Security

O clienti belli,
fate sempre fare i test di
  • unità
  • integrazione
  • sicurezza

o vi troverete in questa situazione!!

Vero che paga la società che ha sviluppato, i lche non toglie che per la catena alberghiera è una bella seccatura!



Friday, August 14, 2009

Poesia di Carlo Michelstaedter

Ritornate alle case tranquille
alla pace del tetto sicuro,
che cercate un cammino più duro?
che volete dal perfido mare?


Passa la gioia, passa il dolore,
accettate la vostra sorte,
ogni cosa che vive muore
e nessuna cosa vince la morte.


Ritornate alla via consueta
e godete di ciò che v'è dato:
non v'è un fine, non v'è una meta
per chi è preda del passato.


Ritornate al noto giaciglio
alle dolci e care cose
ritornate alle mani amorose
allo sguardo che trema per voi
a coloro che il primo passo
vi mossero e il primo accento,
che vi diedero il nutrimento
che vi crebbe le membra e il cor.


Adattatevi, ritornate,
siate utili a chi vi ama
e spegnete l'infausta brama
che vi trae dal retto sentier.


Thursday, August 13, 2009

USA vs Svizzera

Dal Corriere apprendo che UBS sta contrattando il segreto bancario con gli USA per consegnare informazioni su clienti americani che forse hanno evaso il fisco, che prende i soldi dai cittadini senza possiblità di mediazione (a meno che non si usi la lotta politica e si faccia pesare la propria lobby).
Così gli USA si avvicinano al modello europeo-continentale, traendo ispirazione dalle azioni degli 007 tedeschi a Lussemburgo (ma la Germania non può impiegare questi 007 per colpire la criminalità locale? No, sono più pericolosi i cittadini che sfuggono allo loro beneamato Welfare!)

L'America per noi è sempre stata sinonimo di terra di libertà ed autonomia: ma ora posso dire:

Piccola, orgogliosa Svizzera,
non crollare!

Wednesday, August 12, 2009

Parità Aurea - 1

Essendo io innanzitutto un appassionato di economia non posso non seguire in questi giorni la serie della Voce del Gongoro sulla parità aurea, il quale con precisione ha tradotto alcuni articoli di Rothbard a difesa della conversione aurea del dollaro.
Il link è qui

riporto qui l'intervento: chi è interessato ad introduzione e note può andare al blog indicato prima.

Per quasi mezzo secolo gli Stati Uniti ed il resto del mondo hanno sperimentato una continua e grave inflazione senza precedenti. Un crescente numero di economisti ha realizzato che il fatto che durante lo stesso mezzo secolo il mondo abbia seguito uno standard di moneta di carta ugualmente senza precedenti non è solo una coincidenza. Il denaro del mondo non è mai stato così a lungo separato dalle sue radici metalliche. D'altro canto, durante il secolo della parità aurea dalla fine delle guerre napoleoniche fino alla Prima Guerra Mondiale, i prezzi in generale scendevano anno dopo anno, a parte brevi intervalli di conflitti come la Guerra Civile. [1] In tempo di guerra, i governi centrali si impegnarono in una massiccia espansione della massa monetaria per finanziare lo sforzo bellico. In tempo di pace, dall'altro lato, l'espansione monetaria era piccola in confronto alla produzione di beni e di servizi consentita dal rapido sviluppo industriale ed economico. Ai prezzi era quindi, di norma, permesso di scendere. Le enormi spese della Prima Guerra Mondiale spinsero tutti i governi nel conflitto ad uscire dalla parità aurea, [2] e la riluttanza a tornare ad una vera parità aurea alla fine portò ad un radicale passaggio alla moneta di carta a corso legale durante la crisi finanziaria degli anni dal 1931 al 1933.

Io sostengo che l'insolita inflazione cronica che affligge il mondo dagli anni 30 non dovrebbe essere un mistero. Il dollaro è l'unità monetaria americana (e la sterlina, il franco, il marco e simili sono equivalenti unità di valuta nazionale), e dal 1933 non ci sono state limitazioni efficaci dell'emissione di queste valute da parte delle varie nazioni. In effetti, ogni stato-nazione, dal 1933 e in particolare dalla fine di ogni copertura in oro nel 1971, ha avuto il diritto ed il potere illimitato di creare la valuta di carta che sarà la moneta a corso legale nella propria zona geografica. Io sostengo che se una persona o un'organizzazione ottiene il monopolio di creare moneta, quella persona o organizzazione tenderà ad usare questo diritto al massimo grado. Il motivo è semplice: qualunque persona o gruppo con il potere di fabbricare i soldi virtualmente dal nulla tenderà ad esercitare quel diritto, e con considerevole entusiasmo. Dacché il potere di creare i soldi è un privilegio effettivamente inebriante e vantaggioso.

Il significato essenziale di uno standard di cartamoneta a corso legale è che l'unità di valuta – il dollaro, la sterlina, il franco, il marco, o altro – consiste di biglietti di carta, contrassegnati come "dollari," "sterline" e così via, e fabbricati dall'amministrazione centrale dello stato-nazione. [3] Il governo (o la sua banca centrale) può fabbricare ad libitum quei biglietti ed essenzialmente a nessun costo. Il costo della carta e della stampa è invariabilmente trascurabile confrontato al valore della moneta stampata. E se, per qualche motivo, tale costo non fosse trascurabile, il governo può sempre semplicemente aumentare le denominazioni di tali biglietti!

Dovrebbe essere chiaro che lo scopo di un governo che ha il potere di stampare soldi è monopolizzare quel potere. Semplicemente, non andrebbe bene permettere ad ogni uomo, donna ed organizzazione di stampare dollari, e così il governo custodisce sempre gelosamente il proprio monopolio. Bisognerebbe notare che il governo non è mai così zelante nella soppressione del crimine come nel caso in cui quel crimine consiste in un danno diretto alle proprie fonti di profitto, come nell'evasione fiscale e nella contraffazione della propria valuta. Se la contraffazione della valuta non fosse illegale, la scorta di dollari o di franchi aumenterebbe molto velocemente verso l'infinito ed il potere di acquisto della stessa unità monetaria effettivamente andrebbe distrutta. [4]

Negli ultimi anni il livello inflazionistico delle monete inconvertibili ha comprensibilmente disilluso un numero crescente di economisti. Hanno infine concluso che affidare al governo ed alla banca centrale il potere di regolare la massa monetaria, ma esentarli dall'usare saggiamente quel potere in conformità con varie regole, è come lasciare la volpe a guardia del proverbiale pollaio. Sono giunti alla conclusione che soltanto misure radicali possono rimediare al problema, essenzialmente il problema dell'inerente tendenza del governo a gonfiare la massa monetaria che monopolizza e crea. Quel rimedio non è altro che la rigorosa separazione della moneta e della sua fornitura dallo stato.



Thursday, July 30, 2009

Ordinamento di Set

In java il java.util.Set è la classe che contiene una sola istanza di ogni elemento. Aggiungere un elemento già presente è lo stesso all'atto pratico di non inserirlo: inoltre non ha un metodo get(<T> element) predefinito (anche se penso si possa emularlo con iterazione e remove).

L'ondirnamento non è nè di tipo FIFO nè di tipo LIFO di default: se volete un ordinamento naturale usate come canovaccio questo codice (da me copiato vergognosamente)

Map<String, String> aMap = new HashMap<String, String>();
Set<String> keys = aMap.keySet();
TreeSet<String> sortedSet = new TreeSet<String>();
sortedSet.addAll(keys);

Se volete ordinare con qualche ordinamento particolare consiglio di usare invece del Set una List e poi
Collections.sort(LISTA,new Comparator());/*Comparator: classe interna in cui esplicate il codice di ordinamento*/

Divertitevi, specie il giovedì pomeriggio prima di un rilascio :(

Friday, June 26, 2009

Maturità classica 2009

Latino?
Cicerone?
De Officiis, I, 88-89?

Questi hanno una fortuna che fa Provincia!!!

Vogliamo mettere col bel Demostene nel De Rhodiorum libertate, 17-18??????????

O Tempora, o Mores!

Tuesday, June 23, 2009

Ant & Junit in Eclipse - automtizzare i test di unità

Se avete nel vostro progetto Java in Eclipse questi due tools:
  • Ant (per il deploy automatico)
  • Junit (framework per il test di unità)
potete richiamare junit da ant aggiungendo la libreria junit.jar nel path di Ant NON ANDANDO IN QUELLO DI SISTEMA ma da Eclipse andare in
  • external tool;
  • scegliere il vostro file build.xml da cui lanciare junit;
  • andare nel tab delle librerie importate;
  • scegliere ADD JAR inserendo il path di eclipse cui è contenuto il file junit.jar:
in questo modo potete usare il task <junit> da Ant.
altrimenti da console verrà stampato l'errore di "junit.jar not found etc etc"

In questo modo da Ant potete far si che ogni volta che ricreate i lprogetto, dopo la compilazione verificate che il contratto delle varie classi non abbia subito variazioni per le ultime modifiche.

Tutto tempo perso ora e guadagnato dopo.

Friday, June 19, 2009

Pirati in politica ed al corriere

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_giugno_18/oliva_pirate_party_2ca22042-5c1a-11de-b8d9-00144f02aabc.shtml

Possibile che il quotidiano della borghesia lombarda, nell'illustrare un articolo sul Pirate Party, non sappia inserire altra foto di
uno che digita i tasti su un portatile ripreso da profilo;
abbassato come per non farsi vedere da una sentinella: un sgabello con portatile su scatola di cartone costa troppo, eh?
con gli occhiali da sole: ma quando mai si scrive codice/agisce sulla sicurezza dei sitemi informatici con gli occhiali da sole? Schema di colori con troppo contrasto sulla /dev/tty? O su ViM/Emacs? O forse teme un'esplosione di luce dallo schermo come in un libro di Bruce Sterling o William Gibson?

Perchè non mostrare la foto di chi ci lavora e porta avanti il lavoro a vantaggio di tutti senza scenografie varie?

Bram_Cohen -->inventore del protocollo BitTorrent
Andrew S. Tanenbaum -->ricercatore di fama mondiale di sistemi operativi, reti di telecomunicazioni ed ottimo scrittore di libri universitari
Larry Wall -->inventore di PERL
Linus Torvalds -->inventore di GNU/Linux
Richard Stallman --->iniziatore del movimento del Software Libero
Leonardo Chiariglione -->standard MPEG per la multimedialità

Questo nuovo partito farà conoscere meglio il mondo degli hacker ($chi_si_diverte_con_le_sfide_intellettuali)/nerd($appassionato_di_tecnologia) al pubblico generico o servirà solo a confermare i vari pregiudizi del grande pubblico su chi si occupa di tecnologia per passione (sfigato, ribelle, comunitario fino all'estremo, fuori dalla realtà, sprovveduto)?

Friday, June 05, 2009

Free as a speech, not a beer

Per chi pensa che software libero voglia dire programmare software e lavorare nel settore senza essere pagati

http://blog.internetnews.com/skerner/2009/06/want-a-linuxcom-email-address.html

--
Ing. Alessandro Puzielli
-->sito personale http://sites.google.com/site/alepuzio
"Non è la paura a governarlo, ma solo l'irrequietezza, una più acuta percezione delle cose." (300)

Antidoto alla Biennale

Sul sito del Corriere  della Sera sto vedendo alcune opere d'arte della Biennale di Venezia.

Mi vengono in mente due frasi di Pavel Alexandrovic Florenskij:
  • La forza della bellezza esiste in misura non minore della forza magnetica e di quella di gravità.
  • Verità, bene e bellezza: questa triade metafisica è un unico principio, è un'unica vita spirituale esaminata sotto vari punti di vista.
Perchè l'arte oggi non ci dice più nulla?

Thursday, June 04, 2009

Wednesday, May 13, 2009

Questionario per le Europee

Un sito online per verificare la propria posizione nel sistema politico europeo in vista delle prossime elezioni:

http://www.euprofiler.eu

Qualcosa del genere era già stato fatto in Italia per il 2006.
In più qui si può vedere alla fine
  • quale è il partito italiano più vicino come idee
  • quale è il partito in Europa più vicino come idee
  • la "distanza" rispetto ad un partito in Europa a scelta

Il questionario secondo me non è chiarissimo in alcune parti, almeno a giudicare dal mio risultato.
E comunque:
W Hrvatska stranka prava!
:)

Wednesday, April 01, 2009

Campagna contro il protezionismo

Proprio ora ho firmato un appello on-line della Atlas-Economic Research Foundation contro il protezionismo a questo URL.

Alzare le barriere doganali da l'impressione di far resistere le aziende nazionali: in realtà il protezionismo comporta un aumento di costi per prodotti creati da alcune aziende.

A livello di consumatore questo significa che il prezzo minimo per avere uno di quei prodotti aumenta.
Quindi si spendono più soldi e se ne risparmiano meno.

A livello di dipendente/imprenditore l'aumento di costi minimi comporta un minore guadagno netto sia se la tariffa aggiuntiva riguarda la propria azienda (aumentando il prezzo diminuisce la domanda) sia se non la riguarda (molti consumatori potranno giudicare non conveniente acquistare un prodotto che fino al giorno prima non volevano comprare9.

L'unico caso in cui i consumatori acquistano i prodotti protetti si manifesta quando devono comprare qualcosa di fondamentale per loro:
->cibo
->prima casa
->farmaci/sanità
->sicurezza

non mi risulta che ora gli Stati vogliano proteggere questi settori: piuttosto proteggono altri importanti (auto, aereonautica) con un maggior numero di voti potenziali e/o di maggiore duttilità verso l' "eccessiva confidenza" dell'interferenza statale.

Friday, February 20, 2009

Reputazione in stackovverflow.com

Se rispondete a domande di stackoverflow.com loggati
avete voti in positivo/negativo
non vedete la vostra reputazione variare

allroa verificate se la vostra risposta è community wiki: se si allora lasciate il vostro contributo alla comunità, come spiegato qui.

Friday, February 13, 2009

Wednesday, February 11, 2009

Sulla crisi bancaria - monetaria in corso

Per fare un po' di chiarezza in mezzo a 'sto casino posto la traduzione di un articolo di Jörg Guido Hülsmann del Mises Institute.
La traduzione è reperibile al sito Liberanimus qui

Gli undici miti sulla deflazione
l prospetto della deflazione ossessiona l'establishment politico ed economico delle democrazie occidentali e, a giudicare dal punto di vista economico, tali paure sono più che giustificate. Per analizzare la situazione, è necessario tenere conto delle tre seguenti osservazioni:

1. Sia la quantità di denaro che il livello dei prezzi sono irrilevanti per la ricchezza della nazione. Le imprese e le famiglie possono produrre beni di consumo qualsivoglia siano la quantità nominale di denaro a disposizione e il livello generale dei prezzi. Le fonti del benessere sono il risparmio, la tecnologia e l'imprenditoria, non l'offerta di denaro o il livello dei prezzi.

2. Mentre una modifica dell'offerta di denaro non influisce sulla ricchezza di una nazione a livello aggregato, essa cambia la distribuzione di risorse fra i membri della società. Nel caso di un incremento dell'offerta di denaro, ad esempio, i primi che ricevono la nuova quantità di denaro, ne beneficiano a scapito di tutti gli altri. Notare che quest'effetto ridistribuzione non solo avviene in occasione di variazioni della quantità di denaro, ma accade anche a seguito di mutamenti nell'offerta di qualsiasi bene. Esiste una significativa differenza fra il denaro e tutti gli altri beni solo in un regime di fiat-money (moneta non convertibile).

3. Un regime di moneta non convertibile "favorisce" notevolmente la ridistribuzione di risorse all'interno della società. Permette ai produttori di questa moneta, e ai loro alleati politici ed economici, di arricchirsi più velocemente e ad un costo molto più basso di qualsiasi altro produttore di qualsiasi altro settore. Questo spiega il perché i governi per secoli hanno cercato di stabilire una moneta cartacea (paper money) e perché, dopo aver raggiunto quest'obiettivo nel XX secolo, i governi e le imprese loro alleate, si contraddistinsero per una crescita economica esponenziale. Il welfare state esplose nel XX secolo, allo stesso tempo Wall Street e il settore bancario si svilupparono più velocemente di quasi ogni altro settore economico. Questo non sarebbe stato possibile in un mercato con moneta libera (free money), perché nessuno avrebbe accettato banconote il cui potere acquisitivo dipende dal capriccio del suo produttore; difatti la moneta cartacea non è mai esistita in un mercato con valuta veramente libera [1]. Si tratta di essenzialmente di moneta non convertibile (il tipo di denaro che un governo impone ai suoi cittadini).

La moneta cartacea è protetta dalle leggi sulla "moneta legale", il che significa che siamo obbligati ad accettarla come pagamento, anche quando stipuliamo un contratto che prevede un pagamento in altri beni di consumo. Inoltre, in molti paesi, attraverso le normative fiscali, la moneta cartacea è difesa dai suoi concorrenti principali (moneta metallica, ottenuta da metalli preziosi), ai quali si applicano tasse di vendita e sulla rendita da capitale, cui il denaro cartaceo è esente. Insomma, la moneta cartacea è moneta di monopolio, che arricchisce pochi alle spese di tutti gli altri.


La fobia per la deflazione delle nostre élite è perciò una reazione razionale di coloro che beneficiano dei privilegi che l'attuale regime inflazionista gli conferisce e che rischiano di perdere più di ogni altro se questo regime venisse rovesciato da una ventata deflazionista. Un regime d'inflazione perpetua è basato sul monopolio dello stato sulla moneta, mentre la deflazione porta la fresca ventata del libero mercato. Una "veraélite" accoglierebbe volentieri la deflazione perché, dovendo la propria posizione dominante esclusivamente al supporto volontario degli altri membri della società, non avrebbe nulla di che temere in caso di deflazione (una contrazione dell'offerta di denaro), dato che la sua leadership è basata sugli utili servizi imprenditoriali che offre ai cittadini, servizi che sussisterebbero davanti a qualsiasi mutamento nell'offerta di denaro o del livello dei prezzi.

Larga parte delle élite d'oggi, invece, sono "false élite" o meglio detto "imprenditori politici", che devono gran parte del loro reddito e del loro potere decisionale a privilegi legali che li protegge dalla concorrenza e che li arricchisce a spese di tutti gli altri. Le fortune di molti imprenditori politici sono direttamente o indirettamente attribuibili al monopolio sulla moneta posseduto dal Federal Reserve System (FED). È solo grazie a questo monopolio che la FED potrebbe creare un'espansione dell'offerta di denaro praticamente illimitata ed è solo grazie a quest'inflazione che a sua volta ha finanziato l'espansione pressoché illimitata dei governi statali e federale, e di coloro che, piuttosto che prosperare grazie alla qualità di ciò che producono, si servono dell'attività di lobbying con la FED per raggiungere e mantenere posizioni di potere.

Questi imprenditori politici hanno perciò ragione di temere la deflazione, perché questa sottrae loro la fonte del loro reddito illegittimo e li riporta allo stesso livello di tutti gli altri membri della società, i cui redditi sono basati sugli sforzi e i servizi offerti in competizione con la concorrenza.

Questi privilegi possono sopravvivere solo grazie ad una diffusa ignoranza circa il carattere dell'inflazione [2]. Un'analisi approfondita rivela che le ragioni contro la deflazione poggiano nitidamente su una litania di miti inflazionisti. Analiziamoli uno a uno.

Mito 1: Non è possibile guadagnarsi da vivere e fare profitti quando il livello dei prezzi è in caduta

La maggior parte della nostra analisi avrà a che fare con la deflazione nel senso di contrazione dell'offerta di denaro. Si tratta di un caso molto interessante dal punto di vista politico, perché pochi economisti e pochi profani sono disposti a riconoscere in questo senso un beneficio nel processo di deflazione. Ma prima d'entrare nel merito, è necessario esaminare brevemente le caratteristiche della deflazione dal punto di vista di un declino del livello generale dei prezzi. Questo tipo di deflazione attira molte meno critiche dell'anteriore, ma potrebbe essere utile analizzarlo in preparazione della disamina successiva.

Non è vero che non sia possibile guadagnarsi da vivere e fare profitti quando il livello dei prezzi è in caduta. Le imprese di successo non dipendono dal "livello" dei prezzi, ma dal "differenziale" dei prezzi, ovvero la differenza fra il costo di produzione e i prezzi di vendita. Tale differenziale esiste indipendentemente dal livello dei prezzi e segue esistendo anche nell'ipotesi di un loro declino secolare. La ragione essenziale è che gli imprenditori possono anticipare un declino dei pezzi esattamente come possono anticipare un loro aumento. Anticipando un "futuro" declino degli incassi, offriranno meno per l'acquisto degli "attuali" fattori di produzione, assicurando profittabilità alla produzione ed il pagamento degli stipendi a chiunque desideri lavorare.

Questo è esattamente ciò che è successo in quei periodi della storia moderna nei quali la deflazione non era prevenuta con contromisure inflazionistiche. Ad esempio, sia Usa che Germania goderono di una solida crescita economica alla fine del diciannovesimo secolo, mentre il livello dei prezzi calava (in entrambi i paesi per più di due decadi). In quel periodo, il livello dei salari rimase sostanzialmente stabile, mentre i redditi aumentarono in termini reali perché la stessa quantità di denaro permetteva di comprare un numero crescente di beni di consumo. Il beneficio nel periodo deflazionista fu tale per le grandi masse che coincise con la prima grande crisi della teoria socialista, che aveva previsto la prospettiva contraria per il capitalismo sfrenato. Eduard Bernstein e altri revisionisti proposero allora il caso per un socialismo alternativo. Anche oggi abbiamo un tremendo bisogno di un certo revisionismo: un revisionismo deflazionista.

Mito 2: mentre la discesa dei prezzi è accettabile, la mancanza di domanda aggregata è pericolosa

Anche se i sostenitori di questo mito (che costituisce sostanzialmente una variante di quello precedente) riconoscono che prezzi più bassi sono vantaggiosi per il consumatore, allo stesso tempo questi sostengono che vi sono svantaggi evidenti per i produttori. In particolare, sarebbero limitati gli incentivi ad investire in un contesto di contrazione dei prezzi. Abbiamo gia criticato questa posizione facendo notare che il livello dei prezzi assoluti futuri è irrilevante per la profittabilità di un'impresa. Il fattore rilevante è la possibilità di realizzare un differenziale fra prezzi di vendita e costi di produzione, e quest'opportunità esiste indipendentemente dalle variazioni del livello dei prezzi.

Un'obbiezione anti-deflazionista potrebbe essere la seguente: un'impresa profittevole in un periodo di caduta dei prezzi presuppone che l'imprenditore possa offrire meno per l'acquisto dei fattori di produzione. Se ciò non è possibile, l'imprenditore rinuncerà ad investire.
Tuttavia quest'argomento trascura il fatto che in ogni momento tutte le risorse sono impegnate per qualche fine. Perché un imprenditore lungimirante non dovrebbe essere in grado di offrire meno per i fattori di produzione? Chiaramente o perché i proprietari di questi non sono disposti a cederli a prezzi più bassi o perché altri imprenditori offrono di più. Nel secondo caso non c'è mancanza d'investimenti e attività produttiva, i fattori in questione sono comprati e venduti, sebbene ad un prezzo inferiore a quello che sarebbe stato offerto in tempi d'inflazione. Ma anche nel primo caso i fattori sono investiti: sono investiti nelle scorte del proprietario di questi fattori, e tale domanda di giacenze adempie una funzione sociale utile tanto quanto quella d'ogni altra forma di domanda.

Mito 3: non è possibile guadagnarsi da vivere e fare profitti quando l'offerta di denaro si contrae

Gli esseri umani sono capaci di anticipare non solo una caduta dei prezzi, ma anche le conseguenze di una contrazione dell'offerta di denaro. Tale anticipazione normalmente accelera il processo deflazionista consentendo alla contrazione di raggiungere velocemente un fondo robusto per una stabile offerta di denaro. Qui è necessario distinguere due casi: (A) il caso di un sistema bancario a riserva frazionaria operante in un contesto di merce-denaro (commodity-money) come l'oro o l'argento; (B) il caso della moneta cartacea.

Nel primo caso, l'offerta di oro (o di argento) fisico non può ovviamente dissolversi nell'aria e perciò stabilisce un fondo robusto nel caso di deflazione delle banconote del sistema a riserva frazionaria. Tale deflazione generalmente inizia quando un numero crescente di persone rifiuta d'accettare tali note di pagamento, e termina normalmente in una corsa alla banca (bank run), nella quale gli stessi possessori dei biglietti vogliono liberarsene e si precipitano alla banca che li ha emessi per riscattarli in oro o argento. Al termine di tale corsa, l'offerta di denaro si è contratta considerevolmente a causa della sparizione di tutti i biglietti sostenuti dalla riserva frazionaria. Tuttavia la riserva di denaro metallico rimane e offre un fondo solido, al di sotto del quale l'offerta di denaro non può scendere. Non c'è ragione perché questo processo deflazionista non possa risolversi in poche ore o giorni. Al termine, molte banche e molti imprenditori saranno in bancarotta, nella misura in cui avranno finanziato le loro imprese tramite il debito invece che con mezzi propri (equity). Questo naturalmente spiega perché l'attuale establishment, finanziato col debito, si oppone ferocemente alla deflazione; ma questo non significa che la produzione non potrebbe andare avanti senza di questi: di fatto può farlo e lo farà "sotto una nuova gestione".

Nel secondo caso, non esiste alcun fondo solido che assicuri l'arresto del processo deflazionista all'offerta di moneta cartacea. Quando la gente non gradisce più possedere moneta di carta e comincia a venderla a qualunque prezzo, ciò risulterà in un declino ancor più pronunciato del potere acquisitivo di questa moneta, il che convincerà anche chi l'ha appena comprata a liberarsene. Il risultato è una spirale deflazionista che termina quando la moneta svanisce dalla circolazione. Notare che questo non significa che l'economia retrocederà all'era del baratto. In questi casi la gente comincia ad usare altre monete come oro, argento o valute straniere. La spirale deflazionista perciò sottintende l'effetto benefico di sostituire un tipo inferiore di moneta (inferiore dal punto di vista di chi la usa) con una moneta superiore. Ripetiamo, non vi è ragione perché questo processo non possa concludersi in pochi giorni e, parimenti, non vi è ragione d'aspettarsi che la produzione non riprenda altrettanto rapidamente sotto una nuova gestione.

Mito 4: l'inflazione favorisce una crescita economica più rapida della deflazione

Alcuni sostenitori dell'inflazione ammettono che la produzione possa proseguire dopo una deflazione, e probabilmente anche durante, ma allo stesso tempo sostengono che la crescita economica sconterà seriamente gli aggiustamenti necessari, fino al punto che sarebbe preferibile combattere la deflazione attraverso l'inflazione o, come si dice in gergo, la "reflazione".

È difficile confutare tale affermazione in assenza di una definizione ampliamente accettata di cosa s'intenda per crescita economica. In ogni caso il problema di un aggiustamento alla deflazione, nel senso di una contrazione dell'offerta di denaro, è un problema di breve periodo: si tratta di identificare quegli investimenti che sono più profittevoli (e che perciò più giovano alla società) nelle nuove circostanze create da uno scenario deflazionista. In particolare, la deflazione, nel peggiore dei casi, induce gli imprenditori e i proprietari dei fattori di produzione ad indugiare nell'impiego dei loro beni, per evitare di sperperarli in un'iniziativa rischiosa. La deflazione, quindi, implica un atteggiamento sobrio, prudente e conservatore dal punto di vista finanziario.

Al contrario, l'inflazione incoraggia costantemente ad impiegare il capitale in investimenti che non incontrano i bisogni spontanei degli altri membri della società ( capitalisti, lavoratori e consumatori). Tali investimenti sono possibili solamente ricorrendo al finanziamento ( diretto o indiretto) che si rende disponibile grazie al nuovo denaro prodotto dalla macchina di stampa. L'esempio più eclatante di tale processo è il welfare state, che può essere finanziato non dietro la prospettiva di un qualche ritorno futuro e non perché attrae un livello sufficiente di donazioni volontarie, ma solo perché è sostenuto da una crescente quota di debito, che un giorno sarà ripianato grazie all'ulteriore ricorso alla macchina di stampa. Questa considerazione vale indipendentemente dal fatto, sottolineato dagli economisti austriaci, che l'inflazione può modificare, a livello intertemporale, l'allocazione spontanea del capitale.

Riprendendo il problema di definire cosa intendiamo per crescita economica, se con questa intendiamo una qualunque nozione di crescita che enfatizzi la scala di valori di ogni individuo che partecipa nella società (piuttosto che un qualche criterio arbitrario di giustizia sociale), allora visti gli enormi sprechi che si generano con l'inflazione, è più credibile assumere che la deflazione stimoli la crescita economica sia nel breve che nel lungo periodo.

Mito 5: la deflazione è particolarmente onerosa per le persone di basso reddito

Il bene principale delle persone relativamente povere è il loro lavoro, un bene relativamente non specifico, nel senso che può essere impiegato in qualsiasi settore. Perciò se un lavoratore non può più essere impiegato nel suo posto di lavoro attuale, può sempre trovare un nuovo impiego altrove, sia pure ad un salario più basso. Al contrario, gli individui più facoltosi devono la massima parte del loro reddito ad assetti finanziari che, in ultima analisi, riguardano la proprietà di beni capitali, beni altamente specifici che spesso non possono essere utilizzati in altro modo. Se questo uso cessa di essere profittevole ne conseguirà un crollo più o meno drammatico del loro valore di mercato, spesso fino al valore di "rottamazione". Di conseguenza la deflazione grava meno sui gruppi a basso reddito che su quelli ad alto reddito.

Mito 6: la deflazione distrugge i crediti dello stato

Effettivamente la deflazione (specialmente quella definita come contrazione dell'offerta di denaro) renderà impossibile al governo di ripagare il debito pubblico e, almeno per qualche tempo, di ottenere nuove entrate. Ma credere che solo la deflazione può portarci uno scenario simile è una leggenda. I debiti pubblici sono legati ad una traiettoria di crescita esponenziale, e nessun funzionario parla di come ripagarli nel futuro. Il fatto è che i governi occidentali si trovano ormai in un pendio scivoloso che porta inevitabilmente all'iperinflazione o alla bancarotta dello stato. Si tratta solo di attendere che distruggano da soli la propria credibilità, la deflazione accelererebbe semplicemente questo processo.

Permetteteci inoltre di sottolineare gli effetti positivi della bancarotta di uno stato: per finanziarsi un governo sarebbe di nuovo costretto a dipendere dalle sole entrate fiscali, cosa che costituisce un freno salutare alla loro espansione secolare.

Mito 7: la deflazione crea disoccupazione

L'inutilizzo di un fattore di produzione avviene solo in due circostanze: se il suo proprietario non vuole affittarlo al prezzo che gli viene offerto o se la legge gli proibisce di farlo. Non è perciò vero che il calo dei salari causa disoccupazione. Un disoccupato è tale semplicemente perché non accetta di lavorare alle condizioni (economiche o meno) che gli sono offerte. È chiaro che nessuno accetterebbe di lavorare per un salario più basso del livello di sussistenza, ma questo non è il caso della deflazione. Ricordate che in un contesto di caduta generalizzata dei prezzi, il declino degli stipendi è compensato da un declino parallelo del prezzo dei beni di consumo. È vero che non in tutti i casi avviene una riduzione esattamente proporzionale di salari e prezzi, ma ogni discrepanza sarà puramente temporanea e può essere facilmente compensata tramite l'assistenza della famiglia, di amici o di un'istituzione caritatevole.

La deflazione potrebbe causare disoccupazione involontaria solo in uno scenario di leggi che impongono un minimo salariale, che non permettono di lavorare legalmente offrendo i propri servizi ad un tasso inferiore al limite di legge. Chiaramente questa disoccupazione non è causata dalla deflazione, ma da tali leggi, che violano la liberta di associazione volontaria.

Mito 8: la deflazione implica disuguaglianza e oneri arbitrari per i cittadini

La deflazione comporta effettivamente gravi oneri per molti individui. Considerate ad esempio il fatto che oggi la maggioranza delle famiglie hanno contratto debiti considerevoli, spesso in forma di ipoteche sugli immobili. Nel caso di una contrazione dell'offerta di denaro, il reddito di una famiglia diminuirà rendendo impossibile il pagamento delle rate; alcuni potranno chiedere una ritrattazione del loro mutuo ma altri non potranno fare fronte ai pagamenti. È anche vero che la deflazione porta conseguenze diseguali fra i cittadini, perché, in un regime deflazionista, alcuni prospereranno più di quanto non avrebbero goduto in un regime inflazionista. Infine è vero che questa ridistribuzione è difficile da inquadrare secondo il principio di cosa sia giusto e cosa sia sbagliato.

Quindi dove sarebbe il mito? Consiste nella credenza che "solo" la deflazione implica disuguaglianza e oneri arbitrari per i cittadini. In realtà l'attuale regime inflazionista è non meno ridistribuivo e arbitrario di uno deflazionista. L'inflazione, infatti, ridistribuisce reddito da coloro che offrono servizi genuini a quelli che amano allearsi politicamente con i signori della macchina di stampa.
Anche nel caso che l'inflazione sia usata "solo" per impedire la deflazione, gli effetti arbitrari e disuguali non potranno essere evitati. La conclusione che possiamo trarre, quindi, è che la deflazione non è certamente più ingiusta dell'inflazione. Ma volendo approfondire ulteriormente, vi sono addirittura benefici tangibili nella deflazione, tanto da farla preferire all'inflazione. Prima di affrontare questo punto pero, è utile affrontare un'altra considerazione.

Mito 9: ci vorranno decenni per risolvere le dispute legali che scaturiscono dalla deflazione

Non siamo stati troppo ottimisti nell'assumere che la deflazione è una questione di poche ore o, al più, di giorni? Non è più verosimile che questa sconvolgerà un gran numero di contratti a lungo termine, da quelli ipotecari, alle obbligazioni industriali ai mutui immobiliari? E non è probabile che questo richiederà alle corti giudiziarie un paio di decadi di lavoro per risolvere tutte le denunce e contro-denunce?

Effettivamente mentre l'aggiustamento della struttura produttiva alle nuove condizioni create dalla deflazione può risolversi in brevissimo tempo (sempre che l'intervento governativo non rallenti questo processo spontaneo), la risoluzione delle cause legali potrebbe richiedere un periodo più lungo. Ma l'evidenza empirica dimostra che è un'esagerazione pensare che questo richiederebbe più di qualche mese.

Considerate la deflazione tedesca che avvenne dopo la bancarotta della Darmstädter Bank (13 luglio 1931), e che durò circa due anni. La crisi mise rapidamente in pericolo la liquidità, non solo del settore bancario ma virtualmente in ogni ramo dell'economia tedesca. Le relazioni contrattuali furono largamente sconvolte, e la cosa non solo causò fallimenti su una scala senza precedenti ma procurò anche la revisione dei contratti esistenti ( sia all'interno che all'esterno delle corti giudiziarie) e la moratoria di molti pagamenti. La disoccupazione salì a quasi 7 milioni, la produzione in molte aziende si bloccò, salari e stipendi precipitarono, e lo stesso accadde ai prezzi in generale. La caduta radicale dei prezzi degli immobili mise a repentaglio il mercato dei prestiti ipotecari come anche quello dei titoli finanziari coperti da ipoteca.

Come furono gestiti tali problemi? Innanzitutto la disoccupazione non fu gestita per niente, dato che il governo aveva creato le condizioni a causa delle quali la disoccupazione si rese inevitabile: sussidi di disoccupazione e leggi sui salari minimi. Il risultato fu il disordine sociale e dodici anni di Nazional-Socialismo.

Ma i problemi legati alla soluzione delle dispute legali furono regolati piuttosto velocemente ed efficientemente, in parte perché le corti tedesche, vista l'esperienza dell'iperinflazione del 1923, avevano sviluppato una certa esperienza nell'occuparsi di mutamenti drammatici del potere d'acquisto della moneta. In un gran numero di casi, le dispute non arrivarono neppure al grado di giudizio finale, e si risolsero tramite arbitrato in sede privata. Le rimanenti si sentenziarono nelle corti o si decisero grazie a quatto legislazioni d'emergenza, l'ultima delle quali fu votata in parlamento l'8 dicembre del 1931. Di conseguenza, pochi mesi dopo che la deflazione cominciò, tutti gli strumenti legali e istituzionali essenziali erano al loro posto e operavano discretamente bene.

Non vi è ragione di supporre che le cose oggi sarebbero gestite in modo meno efficiente negli Stati Uniti, specialmente se gli studenti di legge rivolgessero la loro attenzione all'analisi dei problemi in oggetto. [3]

Mito 10: la deflazione non conferisce alcun beneficio netto

Abbiamo visto che all'ora di distribuire gli oneri ai cittadini, una pesante contrazione dell'offerta di moneta è esattamente identica ad un suo aumento. Ma dato che l' economia di oggi è ormai tarata per adattarsi all'attuale scenario inflazionista, una eventuale deflazione non richiederebbe una nuovo riaggiustamento? Anche se questo aggiustamento fosse solo una questione temporanea, comporterebbe comunque un costo per ogni membro della società. Quali sarebbero, insomma, i benefici della deflazione che convincerebbero un cittadino responsabile ad accettarla, a parte l'incerta prospettiva di ritrovarsi, nel gioco a somma zero del processo di ridistribuzione che la deflazione comporta, dal lato di quelli che ci guadagnano?

Prima di tutto, la deflazione è un meccanismo estremamente efficiente per accelerare l'aggiustamento al risveglio da una grave crisi finanziaria. La ragione di questo, come abbiamo visto, è che la deflazione colpisce più i prezzi dei fattori di produzione che quelli dei beni di consumo, di conseguenza la deflazione aumenta la forbice fra prezzo di vendita e costo di produzione (in altre parole il tasso d'interesse), creando quindi un vigoroso incentivo al risparmio ed agli investimenti.

In secondo luogo, ma non meno importante, la deflazione è un processo temporaneo che incapsula il potenziale per distruggere quelle istituzioni che vivono solamente grazie alla produzione di inflazione su base "perenne": le banche a riserva frazionaria e i fabbricanti di denaro-fiat (le banche centrali). La distruzione di queste istituzioni elimina il "vantaggio al margine" goduto dal finanziamento a debito rispetto all'auto-finanziamento. In altre parole, il potere economico e sociale viene sottratto alla FED e le banche, e restituito nelle mani dei cittadini. In questo scenario, le imprese opererebbero sulla base di mezzi propri maggiori e le famiglie risparmierebbero prima di comprare una casa, almeno più di quanto non farebbero oggi. Inoltre la distruzione della macchina dell'inflazione eliminerebbe il motore finanziario principale del welfare state, forzando i governi a rastrellare le risorse di cui necessitano esclusivamente con la tassazione, un metodo maggiormente soggetto al controllo sociale dell'ignobile rapina attuata quando si ottengono le risorse necessarie attraverso l'inflazione dell'offerta di denaro.

Mito 11: permettere l'arrivo della deflazione significa "passivismo"

Alla luce degli argomenti trattati, risulta chiaro che permettere l'arrivo di una deflazione non significa un atteggiamento d'apatica rassegnazione davanti al potere di forze misteriose e ai ciechi meccanismi di mercato. La deflazione può adempiere funzioni sociali estremamente utili e coloro che hanno a cuore le liberta individuali e la santità della proprietà privata stanno dalla parte giusta quando si battono coscientemente perché non si ostacoli l'arrivo della deflazione. È piuttosto "continuando a dare spazio all'inflazione" che si assume un atteggiamento d'apatica rassegnazione; rassegnazione davanti al potere di un monopolio della moneta che prospera grazie all'ignoranza, e che beneficia gli entourage politici a spese della società civile capitalista.

Note dell'autore:

[1] Si potrebbe obiettare che le banconote della Banca di Inghilterra che circolarono dal 1797 al 1821 rappresentano un'eccezione, perché esse non erano moneta legale. Ma quei biglietti non erano moneta cartacea, bensì moneta creditizia. Durante la vita di questo "pound cartaceo", gli attori del mercato si aspettavano un'estinzione da parte della Banca di Inghilterra in un prossimo futuro. Per una distinzione fra moneta di consumo, moneta creditizia e moneta cartacea, vedere Mises, Theory of Money and Credit, part one, chap. 3, sect. 3.
[2] Chiaramente qui difendiamo solo la deflazione caratteristica in un libero mercato, mentre la deflazione confiscatoria non è difendibile. Vedere Rothbard (Making Economic Sense), e Salerno ("Taxonomy of Deflation").
[3] Uno dei problemi attuali più interessanti per l'accademia libertaria in campo legale è lo sviluppo di una "teoria legale della deflazione".

Nota di traduzione:
Anche su può sembrare ridondante, è utile sottolineare che per "inflazione" gli economisti austriaci intendono l'aumento della quantità di moneta (to inflate: gonfiare; to inflate the money supply) e non, come abitualmente si intende nel gergo comune, l'aumento del livello generale dei prezzi. Fanno bene gli austriaci a distinguere attentamente fra questi due fenomeni che, sebbene siano legati da una relazione causale, non sono la stessa cosa.

Traduzione a cura di Massimiliano Neri e Francesco Cisternino